Regime stazionario e regime dinamico

Regime stazionario e regime dinamico

15 Gennaio 2017 0 Di Admin A.

Prima di parlare di regime dinamico e stazionario, è necessario avere ben chiaro il concetto di “modello”. 

 

 

Ma cos’è un modello?

 

La vita che viviamo oggi, gli oggetti che ci circondano, la tecnologia, sono frutto dello studio del comportamento del mondo. Sebbene questa frase può apparire insolita, è cosi.

 

Se i nostri antenati non avessero tentato di interpretare la natura ed i suoi fenomeni, non sarebbero giunti alle brillanti intuizioni che li hanno portati a formulare leggi. Leggi che noi tutt’oggi possiamo ritrovare in qualsiasi oggetto ci circondi.

 

Lo studio della realtà, delle nuove tecnologie elettroniche, informatiche, ma anche edili o di comunicazione, avviene mediante “modelli”. In particolare, attraverso modelli matematici.

 

Ma un modello, per quanto accurato sia, dipenderà sempre dal limitato numero di parametri che può prendere in considerazione. Dunque, quando studiamo un fenomeno reale attraverso un modello, ne studiamo un’ approssimazione. I parametri che infatti rappresentano la realtà sono infiniti.

 

 

I fenomeni elettrici e magnetici possono essere studiati tramite due modelli: il modello dei campi ed il modello dei circuiti.

 

 

Modello dei campi

 

Il modello dei campi è associato al nome di James Clerk Maxwell ed è racchiuso nelle sue equazioni.

Nella forma introdotta in seguito da Oliver Heaveside, si presentano così:

 

 

equazioni di maxwell

 

 E’ affascinante capire come, senza queste “sole” quattro equazioni, il mondo sarebbe del tutto diverso.

 

E’ così grande il contributo che Maxwell ha dato alla scienza, che risulta difficile immaginare cosa avrebbe potuto fare, se avesse vissuto qualche anno in più. Maxwell è morto infatti all’età di soli 48 anni.

 

 

Risultati immagini per leggi di maxwell

 

 

Il Modello dei Circuiti

 

Il modello dei circuiti è invece associato al nome di Gustav Robert Kirchhoff ed è racchiuso nelle omonime leggi (leggi di Kirchhoff).

 

Il modello dei campi è molto più generale di quello dei circuiti. Può essere considerato anche come un’approssimazione del primo.

 

Il modello dei circuiti introduce però significative semplificazioni a quello dei campi.

Tant’è che sarebbe impossibile pensare di trattare le moderne applicazioni, come i calcolatori, con il modello dei campi!

 

 

schema di Kirchhoff

 

 

Regime stazionario

 

Un sistema elettrico si dice in regime stazionario quando le grandezze o proprietà caratterizzanti, non variano nel tempo. Ad esempio: resistenza, capacità, induttanza, interruttori e via dicendo.

 

Stato di regime stazionario

 

Questo concetto può essere espresso anche in termini matematici, infatti:

il regime statico è la condizione in cui le derivate delle grandezze di un determinato sistema, rispetto al tempo, sono nulle.

 

 

Regime Dianamico

 

Il regime dinamico di un sistema elettrico indica invece una condizione nella quale le grandezze caratterizzanti variano nel tempo. Hanno quindi le derivate rispetto al tempo, non nulle.

 

Stato di regime dinamico

 

Il regime dinamico può essere anche visto come la condizione che si verifica quando un sistema elettrico passa dalla condizione di regime stazionario a quello sinusoidale, ad esempio.

 

 


elettronica

 

 

 

Ti interessa l‘elettronica? Visita la nostra sezione: Elettronica!